?

Log in

No account? Create an account
Africa53 [entries|archive|friends|userinfo]
africa53

[ website | Home Page Africa 53 ]
[ userinfo | livejournal userinfo ]
[ archive | journal archive ]

E siamo a sette.... Come i magnifici [Dec. 13th, 2006|03:05 pm]
africa53
Per la puntata di oggi e per la replica di venerdì ancora Enrico Berasi di Emergency Verona che ci racconta dell'ospedale che Emergency sta construendo nel Sudan... Il più importante centro cardiochirurgico del Continente Nero... E poi la scheda tecnica di questa settimana sarà tutta incentrata sul Botswana, uno dei Paesi meno conosciuti ma più sviluppati dell'Africa. Una nazione con una piaga che lo afflige: l'AIDS (magari il tema della diffusione del virus dell'HIV in Africa potrà essere il tema di qualche intervista in futuro). Una puntata da non perdere.... La penultima del palinsesto autunno 2006.... Africa 53, un programma che si ascolta su FuoriAulaNetwork...
link10 comments|post comment

Appuntamento con la puntata [Dec. 5th, 2006|11:15 pm]
africa53
Dopo la delusione per la mancata intervista a Matteo Fagotto di Peace Reporter, domani (e venerdì) si prospetta una grande puntata: avremo come ospite Enrico Berasi di Emergency Verona. Ci parlerà dell'attività di Emergency in Africa, in particolare in Sierra Leone. Ma sarà solo il primo di due appuntamenti perchè sarà ospite anche la settimana prossima e ci parlerà del Sudan e del nuovo centro che Emergency sta costruendo in quel Paese... Insomma in queste due settimane ci concentreremo su una delle associazioni umanitarie più attive nel panorama internazionale. E poi come sempre la lettura di Nigrizia e la scheda tecnica che quetsa settimana parlerà del Mozambico.

Non perdetevi gli altri aggiornamenti del blog perchè nei prossimi giorni inserirò alcune importanti informazioni sul e dal Continente Nero.
link1 comment|post comment

Niente ospite per la prima [Nov. 29th, 2006|04:23 pm]
africa53
Poche le di questa settimana... Purtroppo l'intervista prevista per questa settimana a Matteo Fagotto, giornalista di Peace Report, è saltata... Vedrò se riuscirò per venerdì, o per il podcast che fra davvero pochissimo sarà on line, a sentire Matteo per cercare di recuperare... Anche perché era davvero un bell'appuntamento!! In ogni caso nella puntata di questa settimana, dopo la lettura di Nigrizia, nella scheda tecnica (quella che solitamente è l'ultima parte e che per questa volta è solo la seconda) parlo dell'Angola, uno stato dell'Africa Centrale... Domani probabilmente aggiornerò il blog ancora con qualche notizia dal Continente Nero, quindi continuate a restare collegati qui!!!
linkpost comment

Arriviamo... InAfrica [Nov. 21st, 2006|12:42 am]
africa53
Bene bene... nuovo post e nuovo ospite: o meglio presenterò un nuovo ospite ma soprattutto la realtà che rappresenta... Mercoledì (e venerdì) alle 16:00 su FuoriAulaNetwork ad Africa 53 potrete ascoltare l'esperienza di Alessandro che fa parte di In Africa... Qui sotto riporto le notizie che lui stesso mi ha fornito su questa realtà...

....E’ un tam-tam dei popoli africani in Italia, è un tam-tam ricco di colori che racconta l'Africa e la sua gente, della loro cultura e delle tradizioni, per conoscere e capire questo grande continente. Tutti possono intervenire con informazioni sull’Africa e su eventi del popolo d’Africa in Italia. Grazie all’entusiasmo e impegno di alcune persone inAfrica stà portando avanti il "Progetto Africa" per aiutare i bambini e ragazzi del Congo. E' un portale internet interamente dedicato all'Africa e dedicato a tutti coloro che curiosi e addetti ai lavori si interessano del continente nero. Il sito é suddiviso in numerosi link tematici dedicati alla cucina tradizionale, ai libri, alle tradizioni, al commercio equo, al volontariato, ai viaggi. Non mancano sezioni di interesse interculturale, dedicate ai problemi dell'immigrazione e dell'integrazione sociale. Si tratta insomma di un portale destinato a soddisfare tutti i gusti, magari imparando a conoscere meglio questo affascinante continente.

I contatti di InAfrica sono:
Home page portale internet: www.inafrica.it
Indirizzo e-mail: info@inafrica.it

Spero di avervi incuriosito!! Allora vi ricordo che se volete ascoltare Africa 53 basta che vi connettiate al sito di FuoriAulaNetwork ogni mercoledì alle 16:00 e/o il venerdì alla stessa ora.... E fra poco altre novità!!!
link1 comment|post comment

Ultime News [Nov. 17th, 2006|03:45 pm]
africa53
Reuters - Ven 17 Nov, 10:48
Il Ciad propone di inviare delle truppe nella vicina Repubblica Centrafricana per aiutarla a fermare l'invasione dei ribelli che, sostiene, sono appoggiati dal Sudan, ha detto il governo. Il primo ministro Pascal Yoadimnadji, in un discorso al parlamento citato dal sito del governo oggi, ha fatto appello a una "mobilitazione generale" del popolo del Ciad contro quella che è stata definita "una guerra generalizzata imposta dal governo sudanese".
linkpost comment

Alcune definizioni come vi avevo promesso.... [Nov. 16th, 2006|07:55 pm]
africa53
Cassiterite: è il biossido di stagno, in cristalli pesanti, grigi, spesso geminati. Si estrae soprattutto da depositi alluvionali. Grandi giacimenti di cassiterite si trovano in Bolivia. Ma negli ultimi anni, con l'aumento della richiesta di stagno per la costruzione di apparecchi elettronici, si è cominciato a estrarla e venderla illegalmente nella Repubblica Democratica del Congo.

Coltan
: è un minerale dall'importanza economica e strategica immensa. In particolare, spiegano gli esperti, serve a ottimizzare il consumo della corrente elettrica nei chip di nuovissima generazione. Il coltan è radioattivo e contiene anche un bel po' di uranio.La columbite-tantalite o columbo-tantalite, nome esteso del coltan, è una miscela complessa di columbite (Fe,Mn)Nb2O6 e tantalite (Fe,Mn)Ta2O6, due minerali della classe degli ossidi che si trovano molto raramente come termini puri. Il valore commerciale del tantalio è molto elevato quindi anche una bassa produzione, come quella congolese, può fornire elevati proventi economici. Da quando la richiesta mondiale di tantalio è divenuta rilevante, si è fatta particolarmente accesa la lotta fra gruppi para-militari e di guerriglieri per il controllo dei territori congolesi dove si estrae la columbo-tantalite. Una regione particolarmente colpita è quella del Kivu nella Repubblica Democratica del Congo e due stati confinanti: Rwanda e Uganda. Gli intermediari che trattano le vendite illegali in Rwanda e Uganda si approvigionerebbero, infatti, dai giacimenti minerari congolesi. Il denaro ricavato dai proventi della vendita del minerale (così come di altre risorse naturali pregiate) da parte dei movimenti di guerriglia che controllano le provincie orientali del Congo, alimenta la guerra civile in questi territori. Il fatto che gruppi armati o comunque non rappresentanti società statali e industrie, si impossessino del minerale e lo vendano con grossi introiti ad acquirenti principalmente occidentali od asiatici non costituisce di per sé un reato, in nessuno degli stati interessati complicando il problema. All'acquisto di columbo-tantalite congolese si sarebbero interessate come intermediarie anche organizzazioni criminali europee ed asiatiche dedite al traffico illegale di armi che scambierebbero armi per minerale da rivendere. La questione dello sfruttamento incontrollato delle risorse congolesi è di gravità tale da aver coinvolto anche l'ONU che pubblico nell'ottobre 2002 un rapporto che accusava le compagnie impegnate nello sfruttamento delle risorse naturali del paese africano, fra cui anche il coltan, di favorire indirettamente il proseguio della guerra civile. In merito all'acquisto di columbite-tantalite venne coinvolta anche la H.C Starck, una sussidiaria della Bayer che si occupa della raffinazione di metalli di transizione quali il molibdeno, niobio, tantalio, tungsteno e renio e della produzione per il mercato dell'elettronica, dei semiconduttori e dei superconduttori di parti di precisione in leghe speciali e componenti ceramici. Il rapporto del 2002 fu anche alla base di una condanna di ordine generale da parte del Consiglio di Sicurezza delle Nazioni Unite , nel 2003, in merito allo sfruttamento delle risorse naturali della Repubblica Democratica del Congo che comprendono oltre alla columbite-tantalite: diamanti, smeraldi, uranio, oro e altri metalli preziosi. Il Tantalum-Niobium International Study Centre ha esortato i suoi associati ad aver cura di evitare di approvigionarsi di columbo-tantalite congolese e rwandese denunciando come eticamente inaccettabile questo commercio in quanto la vendita del minerale in quei paesi finanzia e ha finanziato la guerra civile oltre ad aver creato danni ambientali per lo sfruttamento indiscriminato.

Tantalio: Il suo simbolo è Ta. È un metallo di transizione duro e duttile, lucido, di colore blu-grigio, molto resistente alla corrosione, soprattutto all'attacco degli acidi, ed è un buon conduttore di calore ed elettricità. È piuttosto raro in natura e si trova nel minerale tantalite. Il tantalio si usa in strumenti chirurgici e negli impianti di protesi intracorporee, perché non reagisce con i fluidi del corpo. è molto resistente alla corrosione: in pratica, per temperature al di sotto dei 150 °C, lo si può considerare del tutto immune agli attacchi chimici, perfino a sostanze estremamente aggresive come l'acqua regia, e può essere intaccato soltanto dall'acido fluoridrico, da soluzioni acide contenenti lo ione fluoruro e da triossido di zolfo libero. Il tantalio ha un punto di fusione molto alto, superato soltanto dal tungsteno e dal renio (punto di fusione 3290 K, punto di ebollizione 5731 K). L'uso principale per il tantalio, in forma di polvere metallica, è nella produzione di componenti elettronici, soprattutto al tantalio, di dimensioni molto ridotte in rapporto alla loro capacità. Questi vengono impiegati in quasi tutti i dispositivi elettronici portatili, come telefoni cellulari, cercapersone, computer portatili ed elettronica per l'automobile. Il tantalio è anche utilizzato in una grande varietà di leghe con alto punto di fusione, forte resistenza e buona duttilità. In lega con altri metalli è utilizzato anche per la fabbricazione di utensili al carburo per la lavorazione dei metalli e nella produzione di superleghe per motori a reazione, strumentazione per laboratori chimici e reattori nucleari e parti di missili. Altri usi: La sua duttilità rende possibile farne fili finissimi, usati come riscaldatori elettrici per fare evaporare altri metalli, come l'alluminio. Per la sua inerzia chimica, il tantalio si usa anche per ferri chirurgici. L'ossido di tantalio viene impiegato per vetri ad alto indice di rifrazione usati nelle lenti degli apparecchi fotografici. Il tantalio si usa anche per realizzare parti di forni sottovuoto. Il tantalio viene utilizzato per la preparazione di impianti chimici grazie alla sua elevata resistenza alla corrosione. Il tantalio si trova soprattutto nel minerale tantalite [(Fe, Mn) Ta2O6] ed euxenite (altri minerali: samarskite e fergusonite). La tantalite si trova molto spesso mescolata con la columbite in un minerale chiamato columbite-tantalite (colloquialmente coltan). A proposito dell'estrazione del coltan sono sorti numerosi problemi etici, di diritti umani e di protezione dell'ambiente, dovuti allo sfruttamento indiscriminato di giacimenti di coltan nelle regioni del Congo sconvolte dalla guerra civile.
Giacimenti di tantalio commercialmente sfruttati esistono in Australia, Brasile, Canada, Zaire, Mozambico, Nigeria, Portogallo e Thailandia. La separazione del tantalio dal niobio richiede un processo lungo, composto di molte fasi complicate. La produzione commerciale di questo elemento può sfruttare uno di molti metodi diversi, fra cui l'elettrolisi di fluorotantalato di potassio.

Cobalto: È un elemento bianco-argenteo, ferromagnetico e molto duro. La sua temperatura di Curie è 1388 K con 1.6~1.7 magnetoni per atomo. È associato spesso con il nichel, ed entrambi sono componenti caratteristici del ferro meteorico. I Mammiferi hanno bisogno di piccole quantità di sali di cobalto nella dieta. Il 60Co, un suo isotopo radioattivo artificiale, è un importante tracciante radioattivo ed è impiegato nel trattamento di molti tipi di tumori. Il cobalto ha una permeabilità relativa pari a due terzi di quella del ferro. Il cobalto metallico è solitamente una miscela due diverse strutture cristallografiche, hcp e fcc, con una temperatura di transizione da hcp a fcc di 722 K.fuso o la sua riduzione con sodio, o la reazione fra carburo di tantalio e ossido di tantalio. Il tantalio si estrae anche come sottoprodotto dell'estrazione dello stagno.È raro imbattersi in composti del tantalio, e di solito il metallo non crea rischi o problemi di sicurezza nei laboratori. Tuttavia i composti di tantalio devono essere considerati altamente tossici, poiché esistono prove che siano cancerogeni. La polvere di questo metallo può incendiarsi e perfino esplodere, se riscaldata.  Il cobalto ed i suoi sali trovano impiego in numerosi settori ed applicazioni: leghe metalliche, quali ad esempio quelle impiegate nella realizzazione di turbine per motori d'aereo, leghe ad alta resistenza alla corrosione e all'usura, acciai per utensili ad alta velocità; utensili al diamante; magneti e supporti magnetici per registrazioni; catalizzatori per le industrie petrolchimica e chimica; materiale di rivestimento per elettrodeposizione (galvanostegia), per il suo aspetto, la sua resistenza e la sua durezza; composti disidratanti per vernici, lacche ed inchiostri; polveri per il rivestimento di porcellane e smalti; pigmenti (blu cobalto e verde cobalto); elettrodi per batterie d'auto. Il cobalto-60, radioattivo, trova impiego come sorgente di raggi gamma: si usa nella radioterapia, per la sterilizzazione dei cibi tramite radiazione (pastorizzazione a freddo), nella radiografia industriale per il rilevamento di anomalie strutturali in manufatti in metallo. Il suo uso come tracciante radioattivo è molto diffuso perché è facile da produrre; si ottiene infatti esponendo cobalto naturale ai neutroni prodotti da un reattore nucleare. Il cobalto-60 (Co-60 o 60Co) è un metallo radioattivo usato nella radioterapia, e produce raggi gamma con energia di 1.17MeV e 1.33 MeV. Una normale sorgente 60Co ha un diametro di circa 2cm e produce un cono di radiazione circondato da una zona di penombra. Il cobalto metallico ha la pessima proprietà di produrre una finissima polvere, causando problemi di protezione dalle radiazioni. Le sorgenti 60Co hanno una vita utile di circa cinque anni, dopodiché non emettono più raggi gamma in quantità sufficiente: tuttavia restano comunque molto radioattive, ragione per cui in occidente l'uso delle macchine al cobalto è sempre più raro, preferendo usare acceleratori lineari di particelle. La prima macchina al 60Co per terapia medica (la famosa bomba al cobalto) fu costruita in Canada; oggi è in mostra al Saskatoon Cancer Centre, in alto nell'ingresso. La seconda macchina è al di fuori del centro, lungo la passeggiata. Il Cobalto si trova in molti organismi viventi, esseri umani compresi. Un contenuto di cobalto da 0.13 a 0.30 parti per milione nel suolo migliora nettamente la salute degli animali da cortile. Il Cobalto è un elemento fondamentale nella vitamina B-12. Il cobalto non si trova allo stato puro metallico, ma solo come minerale, e non viene estratto da solo ma come sottoprodotto della estrazione di rame o nichel. I più importanti minerali di cobalto sono la cobaltite, l'eritrite, il glaucodoto e la skutterudite. I maggiori produttori al mondo di cobalto sono il Congo, la Cina, lo Zambia, la Russia e l'Australia. Il cobalto metallico in polvere può infiammarsi spontaneamente all'aria. I composti del cobalto vanno maneggiati con cautela, data la loro lieve tossicità. Il 60Co, radioattivo, è un potente emettitore di raggi gamma, pertanto l'esposizione ad esso aumenta il rischio di cancro. Ingerito, viene eliminato dai tessuti solo lentamente. Il 60Co può prodursi in caso di conflitto nucleare a partire dal ferro e dagli isotopi stabili del cobalto per effetto dei neutroni emessi dagli ordigni. Esistono armi nucleari appositamente progettate per aumentare la quantità di 60Co dispersa nell'ambiente attraverso il fall-out.

Purtroppo alcune definizioni sono un po' tecniche. In ogni caso questo serviva per farvi capire di "cosa" ho parlato in occasione della terza puntata di Africa 53. Spero che bene o male sia tutto chiaro. Credo che la cosa importante è che queste materie che vengono estratte in condizioni difficili sono in molti casi anche pericolose per gli estrattori stessi che non sono rischiano di morire nelle gallerie e sono sottoposti a torture, soprusi e privazioni ma a lungo andare possono avere delle pericolose ripercussione sulla salute
link3 comments|post comment

Rieccomi [Nov. 15th, 2006|12:55 pm]
africa53
Allora sono tornato dopo qualche giorno che non sono stato presente... La puntata di quersta settimana non avrà la consueta intervista ma riporterà un articolo che ho letto su Internazionale che parla dello sfruttamento e del commercio dei minerali nella Repubblica Deomocratica del Congo... Un articolo su un argomento davvero interessante che vi consiglio di andare a leggere visto che, come molto spesso accade, in qualche modo  riguarda anche noi del mondo occidentale ... Lo sapevate che i nostri cellulari e i pc portatili sono fatti da minerali che provengono dalla RDC? E che per estrarlo vengono compiuti soprusi e violenze? E che per frenare il fenomeno basterebbe (non lo risolverebbe...) cambiare con meno assiduità i telefoni cellulari e i nostri computer? Nei prossimi giorni metterò qui alcuni post su questo argomento e cercherò di elencare precisamente quali siano i materiali che vengono estratti e commercializzati e quali siano le loro caratteristiche... Notizie di servizio: per le prossime settimane si prospettano altri ospiti.... Intanto vi consiglio di andare a vedere il sito di InAfrica e di Peace Reporter perché questi nomi saranno oggetto delle prossime puntate....
link2 comments|post comment

Sulla strada di Fabio [Nov. 5th, 2006|07:25 pm]
africa53
La puntata di Africa 53 che andrà in onda mercoledì 8 novembre alle 16:00 (ma se non potete quel giorno lì potete riascoltarla il venerdì) su FuoriAulaNetwork sarà davvero interessantissima. La scheda tecnica riguarderà il Sudan, un Paese che di cui in questi ultimi tempi si parla parecchio. Ma non vi racconto troppo e vi dico di ascoltare la puntata per saperne di più. Ma un altro motivo per non perdervi l'appuntamento è quello di non perdervi la piacevolissima chiacchierata con Fabio Miggiano, un ragazzo che ha avuto il coraggio di attraversare l'intero continente nero viaggiando sui mezzi pubblici e vivendo a contatto diretto con la gente del posto... Un viaggio un po' beat, un po' alla Kerouac... Attraversare l'Africa da nord a sud, un sogno di tantissime persone e che Fabio ha realizzato e fatto conoscere attraverso il suo sito. Che fosse un ragazzo in gamba credo che lo avessimo già capito, ma lui ci ha dato ulteriore conferma: questo suo viaggio è stato anche l'oggetto della sua tesi di laurea in Sociologia del turismo inititolata "Africa on the road" e da questo lavoro ne verrà tratto un omonimo libro che uscirà nel 2007. Non mancate alla prossima puntata di Africa 53 e ricordatevi che potete scrivermi all'indirizzo e-mail e continuate a buttare l'occhio qui sul blog Africa 53..
link2 comments|post comment

Dal Continente Nero 1 [Nov. 2nd, 2006|11:24 am]
africa53
Salve a tutti. Da oggi inizio un nuovo appuntamento qui sul blog di Africa 53: tra gli aggiornamenti che verranno apportati troverete anche notizie sul e dal "Continente Nero".

Ciad: I ribelli dell'Ufdd, l'Unione delle forze per la democrazia e lo sviluppo, insieme di vari gruppi ostili al regime di Idriss Déby, hanno occupato per alcune ore le città di Goz Beida e Am Timan, nella parte orientale del Paese. Ahmat Allami, ministro degli esteri ciadiano, ha accusato il Sudan di essere sostenitore dei ribelli.
Costa d'Avorio: Il Consiglio di pace e sicurezza dell'Unione Africana ha accettato la proposta dll'O.N.U. di prorogare di 12 mesi, cioè fino al 31 ottobre 2007, il periodo di transizione in Costa d'Avorio. Il presidente ivoriano Laurent Gbagbo potrà mantenere la sua caria ma dovrà cedere molti dei suoi poteri al primo ministro Charles Konan Banny.
Etiopia: Un'inchiesta ufficiale sull'uccisione di 193 sostenitori dell'opposizione durante le proteste che hanno seguito le elezioni legislative del maggio 2005, le forze dell'ordine ha aperto il fuoco in modo indiscriminato contro persone disarmate.
Kenya: Un'associazione ambientalista keniana ha dichiarato che il Kilimangiaro e il Kenya, le due cime più alte del Paese, perderanno il loro strato di ghiaccio entro 25-50 anni. Negli ultimi 100 anni il riscaldamento del globo terrestre e la deforestazione hanno già ridotto del 82 e del 92 per cento la quantità di ghiaccio rispettivamente sul Kilimangiaro e sul Kenya.
Niger: L'esecutivo ha ordinato l'espulsione di almeno centomila arabi accusati di non essersi integrati con la popolazione locale. Negli ultimi decenni migliaia di arabi hanno lasciato i loro paesi emigrando in Niger per sfuggire alle violenze nel vicino Ciad.
Sudan: Jan Pronk, rappresentante delle Nazioni Unite, è stato espulso dopo essere stato accusato di aver diffuso notizie su due sconfitte subite dall'esercito nel Darfur.
linkpost comment

Parte Africa 53. Ospite n° 1 Tiziana [Oct. 30th, 2006|08:56 pm]
africa53
Salve a tutti... Che cosa ci faccio qui? Vi dico che mercoledì 1 novembre alle 16:00 riparte Africa 53, il programma che parla di Africa di FuoriAulaNetwork, la radio dell'Università di Verona. Eh sì perchè l'Ateneo veronese ha anche una radio che trasmette tutti i giorni dalle 10:00 alle 24:00 su www.fuoriaula.it. Ma parliamo di me, o meglio del mio format. Africa 53 è un programma unico, o quasi, nel panorama della programmazione universitaria (e forse non solo quella) in quanto dedica attenzione all'Africa e al sud del mondo. E quest'anno lo spazio raddoppia passando da 15' a mezz'ora!!! E poi c'è la replica: ogni venerdì sempre alle 16:00... Ma le novità non finiscono qui: quest'anno verrà apportata anche una sezione podcast dove potrete riascoltare le puntate della stagione scorsa oltre, ovviamente, quelle del palinsesto appena inaugurato... Insomma le novità sono tantissime... E qui vi posso anticipare anche chi sarà il primo ospite di Africa 53: il nostro direttore artistico ma non solo, Tiziana Cavallo, che collabora con Nigrizia e che ci racconterà quali sono le aspettative per queste 8 puntate. A proposito, mi sono dimenticato che il programma è in collaborazione con Nigrizia, la rivista comboniana. Infatti ogni settimana faccio la rassegna delle notizie che vengono pubblicate sul sito. Che dire ancora? Che qui sul forum potete scrivere consigli, contattarmi, criticarmi, aiutarmi... Insomma un ponte tra me e chi mi ascolta e mi legge... Ma se volete potete scrivermi anche sulla mail... Insomma vedete voi che preferite... L'importante è che non perdiate l'appuntamento con Africa 53 e con la programmazione di FAN.
Michel
link2 comments|post comment

navigation
[ viewing | most recent entries ]